fbpx Beverly Hills, 902…10 curiosità | GP Report
Home » Canali » 10 Punti - Dieci curiosità su... » Beverly Hills, 902…10 curiosità
Beverly Hills, 902…10 curiosità

Beverly Hills, 902…10 curiosità

Annus Domini 1993: mentre Antonio Di Pietro sbriciolava la Prima Repubblica con l’inchiesta Tangentopoli e il Cavaliere (proprio QUEL Cavaliere) preparava la sua discesa in campo, su Italia 1 andava in onda la prima puntata di una serie che diverrà Cult.

Ambientata a Los Angeles, nell’esclusivo quartiere di Beverly Hills, raccontava la vita, gli amori, le delusioni e la crescita di un gruppo di amici e compagni di scuola.

Pronti per il Tadadadan Tadadadan della sigla? Andiamo!

 

 

  1. Volevo essere Steve ma poi sono diventato Dylan (e dovevo durare poco)

Il compianto Luke Perry, scomparso il 4 marzo 2019, sostenne il provino per il ruolo di Steve Sanders, poi andato a Ian Zering. Tuttavia, il produttore Aaron Spelling e gli autori ritennero il suo viso alla James Dean (bello e dannato, un po’ strapazzato, tipo mi sono svegliato da poco e sono ancora in hangover) perfetto per un ruolo marginale, quello di… Dylan McKay. Già, Luke avrebbe dovuto apparire in due episodi e poi Ciao Ciao, Dylan. Peccato che il bello e tenebroso Mr. Perry divenne uno dei fulcri della serie, immerso nel triangolo amoroso con Brenda Walsh e Kelly Taylor. E bravo Dylan, peccato non poterti rivedere.

 

  1. La Kelly bionda che voleva essere la Kelly mora (che diventerà un’altra)

Se il titolo vi ha lasciato confusi e rintronati è assolutamente normale. Jennie Garth (l’attrice che interpreterà Kelly nella serie) aveva sostenuto il provino per interpretare un’altra Kelly, che di cognome fittizio faceva Kapowsky, stellina di un’altra serie, “Bayside School”. Il ruolo poi andrà a Tiffani Thiessen.  Ma non è finita qui, credetemi: è meglio di una partita a Tetris, vderete.

 

  1. La Kelly mora (quella di prima) diventa Valerie, cugina di Brandon (ma non sarà la prima scelta)

Durante la quinta stagione, entra in campo la spregiudicata e incasinatrice di situazioni Valerie, a cui presta il volto Tiffani Thiessen (Esatto, Kelly di “Bayside School”). La Thiessen non sarà la prima scelta dei responsabili del casting: prima di lei vennero contattate Drew Barrymore (la bambina di E.T. decise di concentrarsi sulla sua carriera cinematografica), Alyssa Milano (che non convinse ma poi divenne una delle tre sorelle Halliwell in “Streghe” dove reciterà anche Shannen Doherty/ Brenda Walsh) e infine Alicia Silverstone (anche lei declinò, andando poi a recitare in “Ragazze a Beverly Hills” dopo essere stata l’icona dei video degli Aerosmith). Se pensate che questo sia già delirando almeno quanto Johnny Depp con la coda di coccodrillo in “Paura e Delirio a Las Vegas” aspettate, arriva il meglio. Ora.

 

  1. La Kelly Bionda? La voleva interpretare la figlia del Produttore (che avrà comunque una parte)

Il ruolo di Kelly (credo sia il nome ad attirare le attrici come mosche) era ambitissimo. La Garth dovette affrontare cinque provini prima di diventare Kelly Taylor. Va detto che anche un’altra bionda ambiva a quel ruolo. Il suo nome è Tori e il suo cognome è Spelling. Casualmente lo stesso cognome del produttore della serie (e di mille altre serie Made in USA) Aaron. Casualità? Coincidenza? Tori è la figlia di Aaron? La risposta esatta è la 3, miei cari. Visto che la figlioletta non ebbe il ruolo della bionda e frizzante Ms. Taylor, Aaron Spelling (cuore di papà) creò un ruolo ad hoc: ecco a voi la semprevergine Donna Martin. (e quello della semprevergine non l’ho detto io, credetemi)

 

  1. Donna, la semprevergine (sul set, solo sul set)

Il ruolo di Donna Martin fu condizionato dal fatto che papà Spelling –iperprotettivo nei confronti della figliola e della sua reputazione (nonché della SUA reputazione, capitemi) - chiese agli autori di creare un personaggio ingenuo, innocente e vergine sino alla laurea. Non male, no? Peccato che Tori NON fosse Donna Martin: i suoi flirt erano sui rotocalchi scandalistici spesso. Molto spesso.

 

  1. Non tagliatevi i capelli o vi licenzio. Tutti ascoltarono, tranne Brenda…

Spelling era stato chiaro, anzi chiarissimo con i suoi attori. Non tagliatevi i capelli durante le pause tra una stagione e l’altra oppure vi licenzio. Shannen Doherty, la Brenda Walsh della serie, aveva un caratterino mica male e un bel giorno decise di presentarsi con un bel carrè. Peccato che si stessero ancora girando delle scene. Fu la goccia –tra le tante – che fece sbroccare Spelling. Licenziata su due piedi, la Doherty entrò a far parte del cast di “Streghe” dove durò alcune stagioni per poi…morire (Indovinate? Sì, la licenziarono anche da quella serie). Irriducibile.

 

  1. La Reunion: ci sono tutti, anche Dylan (per poco, molto poco)

Dopo una serie fallimentare come “90210”, reboot (orrendo) della serie primigenia, il cast originale accettò di partecipare al sequel della serie. Ci sarebbero stati (quasi) tutti: da Dylan a Brandon, da Kelly a Donna (queste ultime avevano partecipato a “90210”), da Steve a David. Soltanto Shannen “non-ho-un-bel-carattere” Doherty rifiutò. Ci è voluta la sfortunata scomparsa di Luke “Dylan” Perry per convincere la Signora a rientrare nel cast. Peccato che non ci sarà il buon vecchio Dylan. Peccato davvero.

 

  1. Steve caccia squali, David rappa (male), Brandon rivive le giornate, Dylan ammazza Vampiri

Dopo la serie cos’è successo ai Boys?

Luke Perry, prima di morire, era entrato nel cast dui “Riverdale”, nel 1992, all’epoca di Beverly Hills, aveva fatto parte del cast di “Buffy – L’Ammazzavampiri” (No, non la serie con Sarah Michelle Gellar. Quella è successiva al film, dove Buffy era interpretata da Kristy Swanson).

 Ian “Steve” Zering è rinato grazie alla serie “Sharknado”: prendi squali, tornado, battute becere, effetti speciali creati su Paint e hai un capolavoro. Anzi, 6.

Brian “David” Austin Green ha cercato di fare il rapper (come David Silver). Non è diventato una pietra miliare del flow ed ha ripreso a recitare. Ha fatto comparsate dappertutto, da “Smallville” a “Desperate Housewives” (una stagione intera). Ah, dimenticavo: è sposato da anni con Megan Fox. Per me ha vinto, grande Brian!

Jason “Brandon” Priestley ha diretto diversi video dei Barenaked Ladies (avete presente la sigla di “Big Bang Theory”? Sì, la cantano loro), oltre che lasciarci (quasi) la pelle durante le Indy Pro Series del 2002. Fratture multiple al viso, alle gambe e alla schiena. Si temeva restasse paralizzato ma il buon Brandon è ancora in piedi. Alterna ruoli da bravo ragazzo di 50 anni a perfida carogna legata alle forze del male (Tru Calling). Non ci dispiace quando Brandon mostra il suo lato oscuro: via la maschera da bravo ragazzo!

 

  1. Brenda è una Strega, Kelly è una Tutor, Donna fa Scary (Movie), Andrea Presidente del S.A.G.

E le Girls delle colline di Beverly? Che fine hanno fatto dopo la serie?

Shannen Doherty, licenziata dal cast (vedi punto 6), entra nel cast di “Streghe” dove –di fatto- è stra-protagonista assieme a Holly Marie Combs e Alyssa Milano (a volte ritornano, pensa te. Ricordate che abbiamo parlato di Alyssa come possibile Valerie, cugina di Brenda che entra nella serie come tappabuchi della Walsh? Eccola là). Durerà poco anche lì: verrà licenziata, in seguito, Shannen affronterà la battaglia più difficile, quella contro il cancro. E lì credo che il suo caratteraccio sia servito a sconfiggere il bastardo male.

Jennie “Kellie” Garth recita in diverse serie, interpreta una bionda mozzafiato in “Bionda e pericolosa” (titolo che aiuta a vendere, non pensate?), diventa vegetariana, registra videocassette per rimodellare il fisico (tipo Jane Fonda nei Reaganiani anni Ottanta ma senza scaldamuscoli fluo). Negli anni 2000 partecipa al reboot della serie, dove scopriamo che Kelly è diventata Tutor nello stesso liceo che frequentava anni prima. Quando si dice che non c’è posto migliore di casa. Anzi, del liceo.

Tori “Donna” Spelling recita nei primi due Scary Movie, partecipa al reboot assieme alla Garth e recita nell’ultimo Sharknado assieme a Ian Zering (che stima). Crea una serie autoironica, So NoTORIous (applausi per il nome) e –per rispettare il personaggio di Donna Martin sempre vergine fino alla laurea giurin giurello-  è mamma di cinque figlioli. Olè.

Gabrielle “Andrea” Carteris, l’unica 30enne ad interpretare una 16enne (prodigi del piccolo schermo), lasciò la serie perché aspettava un bambino. Per un anno ebbe un talk-show tutto suo. Molte comparsate in serie successive (Nip/Tuck, JAG, Crossing Jordan, Criminal Minds), doppiatrice di cartoni e videogiochi (Gargoyles, Avatar, il videogame Spider-Man 3). Sindacalista da una vita, nel 2016 è diventata Presidente dello Scrren Actors Guild, che rappresenta oltre 160.000 attori.

 

  1. Due Premi Oscar recitano una parte soltanto

Oltre al cast originale, che è andato avanti tra alti e bassi, c’è una giovane attrice che ha visto la sua carriera decollare, nonostante il suo personaggio sia durato 26 episodi. Chi è? Eccovi serviti: Hilary Swank, il futuro Premio Oscar per “Boys Don’t Cry” e  “Million Dollar Baby”, che interpretava la mamma single Carly Reynolds. 

 

Dal 1993 al 2019, passando per 10 stagioni consecutive, cadute e risalite, spin-off fortunati e meno (Melrose Place, 90210, Model. Inc etc…), i Gemelli Walsh e la loro combriccola di amici hanno segnato un’epoca.

Riusciranno a bissare il successo ora, che sono diventati adulti 40enni? Lo scopriremo.

 

 

 

 

Lascia un Commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.