Home » Canali » La Finestra sul Mondo » Abbonati al medagliere: la Sardegna brilla agli Assoluti di Pesistica
Abbonati al medagliere: la Sardegna brilla agli Assoluti di Pesistica

Abbonati al medagliere: la Sardegna brilla agli Assoluti di Pesistica

 

Podio-dipendenti. È questo l’aggettivo adatto per descrivere la prestazione degli atleti sardi impegnati nelle finali dei Campionati italiani Assoluti di pesistica svoltisi lo scorso weekend a San Marino. Tutti i giovani dell’isola sono riusciti a portare a casa una medaglia nella loro categoria confermando ancora una volta la grande importanza della scuola sarda nel panorama della pesistica nazionale.

Il primo a scendere in pedana nella giornata di sabato è stato Sergio Massidda nella categoria 61 kg che ha fatto gara a sé senza che ci sia mai stato il minimo accenno di competizione. Al campione del mondo junior sono bastate due singole alzate per portarsi a casa il suo primo titolo italiano, eseguendo 110 kg nell’esercizio di strappo e 130 kg in quello di slancio. Tre ori scontati per il ragazzo di Ghilarza che, successivamente alla gara, si è detto pronto e carico in vista dei prossimi mondiali di Tashkent, appuntamento decisamente più stimolante per un atleta della sua caratura.

Sfida dinastica spettacolare nella categoria 67 kg degli uomini dove Andrea Corbu, figlio dell’allenatore della nazionale Gonario Corbu, e Manuel Mannironi, nipote del bronzo ai giochi olimpici di Roma 1960 Sebastiano Mannironi, si sono dati battaglia fino all’ultima alzata per il titolo assoluto. Il primo ha avuto la meglio nello strappo, staccando il rivale di un chilo ed aggiudicandosi l’oro di specialità con 122 kg, mentre il secondo è riuscito a recuperare e superare il diretto concorrente nell’esercizio di slancio con un distacco di 7 kg, grazie ai 155kg portati sopra la testa alla terza alzata. Questo vantaggio ha permesso a Mannironi di portarsi a casa il titolo italiano con 276 kg di totale mentre Corbu si è dovuto accontentare dell’argento con 270kg.

Non sono state da meno neanche le sorelle dei due atleti appena citati. Nicole Mannironi si è aggiudicata tre medaglie d’oro nella categoria 45 kg grazie ai 61 kg di strappo e ai 76 kg di slancio eseguiti dalla giovane di origini isolane mentre Giulia Corbu ha portato a casa tre bronzi nella categoria 55kg grazie alle alzate valide di 77 kg nello strappo e 95 kg nello slancio.

Tre bronzi anche per Filippo Soma che nella categoria 89 kg si è difeso bene ed ha provato a dare battaglia anche per le medaglie più prestigiose, almeno di specialità, senza però riuscire nell’intento. I 138 kg in prima prova di strappo sollevati dal nuorese sono stati sufficienti per il bronzo di categoria mentre nella prova di slancio la seconda alzata pari a 171 kg è stata sufficiente per aggiudicarsi il terzo posto sia nella specialità che nel totale. Ottima prova per l’allenatore della società Pesistica Nuorese che anno dopo anno si continua a confermare tra i migliori a livello nazionale.

Rimanendo tra le fila della Pesistica Nuorese, Marco Bitti ha fatto pot-pourri di medaglie nella categoria 102 kg riuscendo a conquistare l’oro nello strappo con 141 kg portati sopra la testa ma raccogliendo solamente il bronzo nello slancio con 167 kg, complice probabilmente un piccolo infortunio avvenuto in seguito ad un errore in prima alzata che ha un po’ scombussolato il suo assetto da gara. Buon risultato, comunque, per il classe ’98 nuorese che completa la collezione delle medaglie con l’argento di categoria, grazie ai 308 kg accumulati nel totale.

Ottimo esordio agli assoluti per Elisa Sundas della società Progetto Trexenta che nella categoria 76 kg si porta a casa tutte e tre le medaglie d’argento. Nell’esercizio di strappo le sono bastati gli 80 kg sollevati in seconda prova mentre nello slancio è stato sufficiente il peso di 95 kg effettuato al primo tentativo. Con l’argento nel totale grazie ai 175 kg accumulati si può definire un esordio convincente per un atleta giovane come lei, classe 2002.

A chiudere il weekend per quanto riguarda gli atleti nostrani è Vittorio Cabras che nella categoria 109 kg si aggiudica una medaglia d’argento nella specialità dello slancio, grazie ai 160 kg sollevati nella seconda prova, e una di bronzo nel conteggio totale, complice anche l’esclusione dalla gara di uno dei suoi diretti concorrenti a causa di tre prove nulle nell’esercizio di slancio. Buonissimo risultato, comunque, per l’atleta della Pesistica Sennorese, che stava rischiando di uscire fuori gara nell’esercizio di strappo per due errori nelle prime due alzate ma che si è preso un quarto posto di specialità grazie ai 121 kg tirati su in terza prova.

Grande conferma per tutto il panorama della pesistica isolana che dimostra ancora una volta di essere tra le migliori a livello nazionale in questa disciplina.

 

Andrea Sanna

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.