Home » Canali » La Finestra sul Mondo » Campionato Primavera - Juventus 1 - Cagliari 2
Campionato Primavera - Juventus 1 - Cagliari 2

Campionato Primavera - Juventus 1 - Cagliari 2

Vittoria importantissima del Cagliari Primavera che nel lunch match di oggi in casa della Juventus si porta a casa i tre punti grazie alle reti di Yanken e Cavuoti.

Il match parte subito forte, con le squadre che giocano a viso aperto in un ping-pong di azioni dove a mancare è sempre l’ultimo passaggio decisivo. La prima grande palla goal del match arriva al 24’ quando, a seguito di un’azione bianconera insistita, Chibozo va alla conclusione incrociata con il mancino che risulta imprecisa, ma sulla quale si avventa Savona che in spaccata trova solo l’esterno della rete.

Il Cagliari non ci sta e alla prima grande occasione nitida passa in vantaggio. Grande azione sulla fascia di Tramoni che, una volta ricevuto il lancio di Kourfalidis, punta l’avversario e lo supera con una serie di finte per poi mettere al centro un pallone teso che Yanken da due passi deve solo appoggiare in porta. Grande giocata del corso, che conferma il suo strepitoso momento di forma, e ottimo anche l’attaccante belga a farsi trovare nel posto giusto al momento giusto.

A seguito del vantaggio la partita non cambia poi tanto con entrambe le squadre che si danno battaglia alla ricerca della rete anche se gli ospiti sembrano avere un po’ di benzina in più. Nonostante questa superiorità, al 41’ Iling impegna D’Aniello con un tiro a botta sicura dal centro dell’area, dopo aver ricevuto un suggerimento laterale, ma l’estremo difensore dei sardi è bravissimo a distendersi immediatamente a terra e a far sua la sfera. L’ultima occasione del primo tempo è ancora bianconera con Mulazzi che spreca un bel suggerimento in verticale del suo centrocampo mandando il pallone alto con un tiro al volo rivedibile.

La seconda metà inizia ancora con un errore di Mulazzi che al 47’ spreca di testa un bellissimo cross, mandando la palla a lato da pochi passi. Tutti questi errori sono puniti dieci minuti dopo quando il Cagliari trova a sorpresa il raddoppio. Grande recupero nella trequarti avversaria di Cavuoti, che punta la porta per poi scaricare sulla sinistra da Desogus, il quale restituisce al numero ventisei che di spalletta infila Senkò per il raddoppio rossoblù.

Dopo aver trovato il doppio vantaggio il Cagliari gioca meglio e con più tranquillità ma anche stavolta nel momento migliore ci vuole un miracolo per non subire la rete avversaria. Un’altra azione continuata dei piemontesi, che sfruttano le difficoltà nell’allontanare la sfera degli ospiti, con il pallonetto di Bonetti che trova il legno e con Strijdonck che, una volta raccolta la respinta, si sposta la palla sul sinistro superando con un tiro rasoterra D’Aniello in uscita ma non Iovu appostato sulla linea, il quale respinge la conclusione tra le braccia del suo portiere.

Complice anche lo spavento appena preso, gli isolani entrano in difficoltà e al 76’ concedono calcio di rigore per un pestone di Kourfalidis su Turco all’interno dell’area. Dal dischetto Iling accorcia le distanze per i padroni di casa che iniziano a credere nel recupero.

Questo sembra raggiunto un minuto dopo quando Mbangula aggancia a ridosso dell’area piccola pronto per calciare ma trova un super D’Aniello, che si fionda su di lui impedendogli ogni tipo di conclusione. La Juventus continua a spingere e mette sulla difensiva i rossoblù che però resistono stoicamente fino al 95’, quando l’arbitro decreta la fine dell’incontro.

Grandissima vittoria per i giovani cagliaritani che grazie a questi tre punti salgono al secondo posto solitario in attesa della partita del Torino. Ennesima partita preparata magistralmente da Agostini che ha trovato la formula per far girare questi ragazzi in maniera splendida.

Oggi i migliori in campo tra cui scegliere sono davvero tanti ma probabilmente il ruolo fondamentale è stato quello di Michele Carboni, guida assoluta della manovra isolana a centrocampo con una sicurezza e un estro da grande campione. Da sottolineare anche le prestazioni di Tramoni, ispiratissimo e sempre pericoloso nell’uno contro uno, Yanken, che migliora partita dopo partita imparando ad usare il suo possente fisico, D’Aniello, sempre pronto quando è stato chiamato in causa e monumentale nell’uscita su Mbangula, Cavuoti, che sembra aver ritrovato il piglio della scorsa stagione, e al solito Desogus, che anche se non è riuscito a mettersi particolarmente in mostra con azioni personali ha fatto tutto bene e ha guidato il fraseggio stretto che è stato il vero antidoto contro i bianconeri.

Ora arriva un po’ di meritata pausa per i ragazzi sardi, che riprenderanno la stagione in casa contro l’altra piemontese, il Torino. Agostini può godersi questi grandi ragazzi, che dimostrano il loro grande valore partita dopo partita, e preparare con serenità la seconda parte della stagione in questo periodo di vacanza.

Andrea Sanna

 

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.