Home » Canali » La Finestra sul Mondo » Fantacalcio 2021/22 - 33° Giornata
Fantacalcio 2021/22 - 33° Giornata

Fantacalcio 2021/22 - 33° Giornata

Portieri:

Maignan (Milan): Il numero uno francese è riuscito in pochi mesi a far dimenticare l’addio di Gigio Donnarumma a suon di grandi prestazioni e parate fondamentali. A conferma di ciò ci sono le ultime sei partite in cui il portiere ex Lille non è stato mai superato. La serie positiva potrebbe trovare un altro tassello nel match di questa settimana visto che il Genoa, prossimo avversario dei rossoneri, ha trovato appena 4 goal nelle ultime dodici partite. L‘imbattibilità non verrà data d’ufficio ma le probabilità sono altissime.

Audero (Sampdoria): L’estremo difensore blucerchiato si è ritrovato fuori dagli undici titolari per larga parte del campionato, tornando a difendere i pali dei liguri solo negli ultimi match. Nonostante questo, ora che è tornato ha messo in mostra le sue buone qualità che torneranno sicuramente utili ai suoi per raggiungere la salvezza matematica il prima possibile. Il primo tassello è il match con la Salernitana di domani che non deve essere sbagliato per nessun motivo se non i vuole sprofondare nel centro della bagarre. Siamo certi che l’azzurrino si renderà protagonista di una buona gara e ci sono buone possibilità che rimanga imbattuto.

 

Difensori:

Gosens (Inter): L’esterno tedesco arrivato a gennaio dall’Atalanta è nel bel mezzo della sua stagione meno impressionante, visto l’infortunio che lo ha costretto a rimanere ai box per la maggior parte della stagione, e ha tutte le intenzioni di concludere l’anno calcistico al meglio possibile. Le sue qualità sono indubbie e il senso del goal lo ha contraddistinto negli anni passati è impressionante se pensiamo al fatto che giochi in difesa. Chissà se tornerà a segnare già contro uno Spezia che difficilmente riuscirà ad arginare le offensive dei lombardi.

Kalulu (Milan): Il giovane difensore francese si sta comportando molto bene in questa stagione e la sua presenza in campo sta risultando come un deterrente micidiale per le offensive avversarie. La sua squadra non subisce goal quando gioca lui, anche se non capiamo ancora se sia davvero tutto merito suo o una sorta di funzione talismano. L’ultimo goal subito dai rossoneri con l’ex Lione in campo risale ad inizio febbraio nel match contro l’Inter. Per questo motivo crediamo che possa fare benissimo contro un Genoa che i problemi a segnare li ha anche con le difese molto più modeste.

Igor (Fiorentina): Il centrale viola è cresciuto tantissimo in questa stagione e buona parte della vittoria toscana della settimana scorsa contro il Napoli è merito suo e della sua marcatura magistrale su Osihmen, oscurato per la maggior parte del match. La personalità messa in mostra fa ben sperare per un futuro roseo, vista anche la giovane età dell’ex Spal, e le qualità fisiche convincono ancora di più. Dopo la prestazione contro i partenopei ci aspettiamo un ottimo match anche contro il Venezia, che possiede sicuramente un potenziale offensivo inferiore.

Kyriakopulos (Sassuolo): L’esterno greco sta accumulando sempre più minutaggio in questa stagione, dopo tanto tempo passato in panchina ad aspettare l’occasione, e le sue prestazioni stanno ripagando la fiducia, come dimostrato con i due assist nell’ultimo match. Il suo valore offensivo è ancora troppo ignorato dai più ma se lo si vede giocare si capisce subito che si ha a che fare con un prospetto più che interessante. La sfida contro il Cagliari, carente difensivamente soprattutto in fascia destra, può essere l’occasione per attirare definitivamente i riflettori su di sé.

 

Centrocampisti:

Calhanoglu (Inter): Il trequartista turco ha svolto un ruolo da protagonista nella sua prima stagione in nerazzurro grazie ad un ottimo feeling con i compagni di reparto e non solo. Le sue caratteristiche tecniche sono risultate fondamentali in più di un’occasione e la sua freddezza dal dischetto è valsa tanti punti importanti nel cammino verso lo scudetto dei lombardi. Il match con lo Spezia potrebbe costituire un’altra interpretazione da protagonista, dato che i liguri sono la seconda squadra con più rigori concessi e l’ex Milan dagli undici metri non ha mai sbagliato in questo campionato.

Sensi (Sampdoria): Il centrocampista italiano aveva iniziato benissimo la sua avventura in blucerchiato a gennaio senza riuscire però a dare continuità alle sue prestazioni. Dopo il goal all’esordio non è più riuscito a mettere a segno nessun bonus e questo ha portato ad un ridimensionamento delle aspettative soprattutto in ottica fantacalcistica. Il prossimo match contro il fanalino di coda Salernitana potrebbe essere l’opportunità adatta per tornare sotto i riflettori e farsi perdonare da chi ha creduto fermamente in lui nel mercato di riparazione.

Luis Alberto (Lazio): Il mago biancoceleste ha confermato ancora una volta le sue straripanti qualità anche se dopo un inizio di stagione di grande difficoltà con il nuovo mister. Il suo apporto dal punto di vista sia delle assistenze che delle realizzazioni è stato chiave per il cammino dei capitolini e in questo finale di stagione non si prospetta una frenata all’orizzonte. Il primo passo per confermare questa sensazione è l’incontro con il Torino di questo weekend. Sarà una partita difficile contro una squadra ben organizzata che potrebbe essere stesa solo da una prodezza da fuori area, biglietto da visita dello spagnolo.

Pereyra (Udinese): Il tucu non ha brillato in questo campionato a causa di un infortunio che lo ha tenuto lontano dalle scene per molto tempo. Nonostante ciò, quando è stato in condizione di giocare ha difficilmente deluso e nelle ultime cinque partite è riuscito a confezionare ben quattro assist. Contro l’Empoli potrebbe arrivare l’ennesimo bonus di questo finale di stagione e chissà che stavolta non possa essere un +3 al posto del solito +1.

Rog (Cagliari): Il centrocampista rossoblù è tornato in campo dopo praticamente due anni di infortuni gravi e sembra essere in forma come lo avevamo lasciato. Le sue apparizioni negli ultimi due match hanno portato qualità al centrocampo sardo e la sua intesa con Marin sembra di buon auspicio per concludere il campionato nel migliore dei modi. Contro il Sassuolo tornerà titolare dal primo e chissà che non sia proprio una delle sue giocate ad indirizzare la partita sui binari giusti per gli isolani, che da qui alla fine hanno bisogno di tutti i mattoncini possibili per costruire la propria salvezza.

 

Attaccanti:

Vlahovic (Juventus): Il bomber bianconero si sta ambientando sempre meglio tra le fila dei piemontesi e in ogni partita sta dimostrando una determinazione ed una voglia di mettersi in gioco davvero ammirevole. Il suo sforzo anche quando non è in possesso del pallone aiuta parecchio la riconquista della sfera e quando si trova davanti alla porta difficilmente non insacca. Viste queste caratteristiche è molto probabile che il suo nome compaia nel tabellino dei marcatori anche in questo weekend, in una sfida con il Bologna che pare tutt’altro che equilibrata sia per i valori dei singoli in campo sia per le motivazioni che animano i due organici.

Cabral (Fiorentina): L’attaccante chiamato a sostituire Vlahovic ha avuto qualche problema di adattamento al nostro campionato e dopo le prime partite da protagonista ha addirittura perso il posto per il già navigato Pjatek. In quest’ultimo periodo però si è nuovamente ritagliato una maglia da titolare e nell’ultimo match contro il Napoli è stato uno dei protagonisti con un goal da grande campione. Le sue prodezze hanno buone possibilità di essere ripetute anche nel derby toscano contro l’Empoli di sabato, vista la situazione di difficoltà in cui si trovano gli azzurri e vista la rincorsa europea in cui sono immischiati i viola.

Lautaro (Inter): Il Toro non sta vivendo un 2022 idilliaco in campionato e la sua mancanza è stata uno dei fattori che hanno mandato in crisi i nerazzurri nel mese passato. Le sue realizzazioni si sono limitate alla partita contro la Salernitana e questa incostanza ha generato parecchio risentimento in chi ha puntato su di lui come punta di diamante della rosa. Tutto ciò però potrebbe essere facilmente cancellato da una prestazione stellare in questa giornata, contro un Spezia che è tutt’altro che un avversario temibile per l’armata di Inzaghi. Il +3 è quasi preteso in questo match in cui sarà il riferimento offensivo principale visto il riposo di Dzeko.

Deulofeu (Udinese): L’ala spagnola si è conquistato il posto di leader e trascinatore dei friulani in questa stagione, sopperendo spesso alle prestazioni altalenanti dei suoi compagni di squadra. Dal punto di vista realizzativo gli manca solo un goal per segnare un nuovo record personale e siamo certi che farà di tutto per riuscire ad arrivare all’obiettivo. La gara contro l’Empoli di domani sarà la sua prima opportunità e abbiamo la sensazione che possa fare centro al primo tentativo. Se anche così non fosse ci aspettiamo un’ottima prestazione contro un organico che avrà parecchie difficoltà ad inibirlo.

Andrea Sanna

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.