Home » Canali » La Finestra sul Mondo » Fantacalcio 2021/22 - 37° Giornata
Fantacalcio 2021/22 - 37° Giornata

Fantacalcio 2021/22 - 37° Giornata

Portieri:

 

Rui Patricio (Roma): L’estremo difensore portoghese ha svolto una buona stagione difendendo la porta dei giallorossi, conquistandosi finalmente una fiducia che i portieri difficilmente ottengono dal popolo della capitale. Le sue parate sono risultate più volte fondamentali per salvare il risultato e il reparto difensivo è migliorato visibilmente rispetto a un anno fa, con praticamente gli stessi giocatori a comporlo. In questa penultima sfida contro il Venezia servono tre punti a tutti i costi se non si vuole rischiare di essere sbalzati via dalla corsa Europa e per questo crediamo che l’ex Sporting possa compiere una prestazione super, lasciando anche la porta inviolata.

 

Silvestri (Udinese): Il portiere italiano ha svolto un buon campionato tra le fila dei friulani nonostante l’estremo cambio di mentalità arrivato con il cambio in panchina della fine dello scorso anno. Nonostante si sia cambiata l’impostazione di gioco, cercando molto più di offendere, l’ex Hellas non ha mai fatto pesare la questione e anzi si è potuto mettere in mostra con delle parate super. In un match squilibrato come sembra in partenza quello tra i bianconeri friulani e quelli liguri dello Spezia, siamo convinti che l’uomo con le treccine possa portare a casa l’imbattibilità.

 

Difensori:

 

Dumfries (Inter): L’esterno olandese si è comportato molto bene sotto la guida di Simone Inzaghi in questa sua prima stagione in Italia. Dopo un periodo di adattamento al campionato, in cui si anche visto minacciato il posto da Darmian, le sue qualità sono venute fuori e soprattutto nell’ultimo periodo è diventato un asset vincente per i nerazzurri. Il suo bottino ad oggi ammonta a cinque goal e quattro assist ma potrebbe aumentare nella sfida, fondamentale per lo scudetto, contro il malandato Cagliari, all’ultima spiaggia per rimanere aggrappato alla massima serie.

 

Molina (Udinese): Il terzino dei friulani ha rispettato le aspettative che c’erano ad inizio anno e, dopo un primo periodo in cui ha fatto cadere in depressione tutti coloro che avevano puntato su di lui, ha messo in mostra tutte le sue qualità. I sei goal messi a segno non sono casuali ma frutto di un impostazione di gioco perfetta per le sue caratteristiche e i suoi inserimenti. I suoi numeri potrebbero essere destinati a non fermarsi qua visto che il prossimo avversario, lo Spezia, non ha più nulla da chiedere al campionato e vive un periodo di forte crisi, soprattutto lontano dalle mura amiche.

 

Di Lorenzo (Napoli): Il difensore dei partenopei non è riuscito ad esprimere al meglio tutte le sue potenzialità in quest’annata, nonostante delle prestazioni di gran spessore svolte all’europeo, e fantacalcisticamente parlando è stata una delle delusioni maggiori. La sua nomea da difensore goaleador è andata persa, vista la sola rete messa a segno, e anche i quattro assist raccolti non sono abbastanza per salvare la baracca. Le occasioni per fare bene e indorare la pillola ci sono e una è il match con il Genoa di questo weekend, in cui è vietato sbagliare. A parer nostro, almeno un assistenza dovrebbe portarla a casa.

 

Zortea (Salernitana): L’esterno italiano in prestito dall’Atalanta si sta distinguendo tra le fila dei campani ed è sicuramente uno dei componenti più interessanti dell’organico. La sua corsa sulla fascia e la sua capacità di spinta sono notevoli e si fanno notare nel mare di mediocrità in cui sono immersi i compagni granata. Il match di sabato contro l’Empoli potrebbe essere la conferma definitiva della missione compiuta per i suoi, se contemporaneamente Cagliari e Genoa non dovessero vincere, e il classe potrebbe essere uno dei protagonisti. Siamo certi che la sua valutazione sarà più che positiva.

 

Centrocampisti:

 

Oliveira (Roma): Il centrocampista arrivato a metà anno dal Porto avrebbe dovuto avere un impatto molto maggiore, vista la cifra corrisposta dal team giallorosso per il suo acquisto, ma invece ha addirittura avuto un involuzione dopo le prime buone partite. Forse anche a causa della grossa differenza tra il vecchio e il nuovo campionato, il suo ruolo è stato messo sempre più ai margini tanto da portarlo al livello di colui che avrebbe dovuto sostituire, ovvero Veretout. Nonostante ciò, è ancora un ottimo battitore di calci piazzati e per questo crediamo che possa portare dei bei bonus in una partita, sulla carta, semplice come quella con il Venezia. In un match del genere è impossibile non schierarlo.

 

Ruiz (Napoli): Il centrocampista spagnolo ha svolto una stagione tutto sommato positiva tra le fila dei partenopei, risultando sempre il tassello fondamentale del centrocampo e mettendo in crisi nera la squadra nel momento in cui si è dovuto fermare per infortunio. I suoi 7 goal e 4 assist rappresentano bene la sua stagione, la migliore dal punto di vista dei bonus, e siamo certi che abbia ancora qualche asso nella manica in queste ultime due partite. La prima occasione che avremo per scoprirlo è il match con il Genoa di questo fine settimana, anche se il clima non sarà quello del match disteso tra squadre gemellate. In questi 90 minuti infatti si giocheranno i destini delle due squadre, in lotta per obiettivi diametralmente opposti.

 

Perisic (Inter): L’esterno croato ha svolto un campionato molto al di sopra delle aspettative di inizio anno, in cui il suo apporto alla stagione si prospettava molto marginale e nel ruolo di gregario ai danni di un Dimarco in piena pista di lancio. La sua classe è stata più volte determinante per portare a casa punti importanti contro avversari difficili e i suoi uno contro uno sulla fascia sono stati spesso la chiave di volta per scardinare le retroguardie. A testimonianza di ciò ci sono i sette goal e sei assist messi a segno e per confermare la sua importanza basta ricordarsi chi ha fatto doppietta nella finale di Coppa Italia di pochi giorni fa. Per tutti questi motivi, contro un Cagliari pieno di motivazioni ma povero di prestazioni, l’ex Bayern Monaco potrebbe essere il protagonista assoluto del match.

 

Bonaventura (Fiorentina): Il centrocampista viola si era un po’ perso dai radar dopo un inizio di campionato super ed è tornato a far parlare di se solo pochi giorni fa grazie alla vittoria sulla Roma. Questo successo ha rilanciato di parecchio le ambizioni per l’Europa, che ormai sembrava capitolo archiviato, e ha dato nuova linfa a questo finale di campionato dei toscani. L’ex Atalanta può dare un contributo importante per arrivare all’obiettivo e la prima tappa è il match contro la Sampdoria di lunedì. Contro una formazione che vive una profonda crisi come quella blucerchiata, l’ex capitano bergamasco potrebbe risultare decisivo con uno dei suoi inserimenti al bacio.

 

Frattesi (Sassuolo): Il bambin prodigio della prima metà di campionato non è riuscito a confermarsi anche nella seconda parte e ha perso tutto quell’appeal fantacalcistico che aveva acquisito prima del mercato di riparazione. Per capire la differenza di rendimento, dei 4 goal e 2 assist totalizzati quest’anno appena un’assistenza è stata fatta nel nuovo anno solare. Nonostante ciò, i suoi hanno continuato a viaggiare su buoni ritmi anche senza il suo apporto realizzativo, conducendo una stagione da incorniciare sotto tanti aspetti. Il derby emiliano con il Bologna è solo un’esibizione di due belle squadre in forma e per questo pensiamo che il classe ‘99 possa trovare i giusti spazi per esprimersi al meglio e tornare a far esultare i suoi fantallenatori.

 

Attaccanti:

 

Osimhen (Napoli): L’attaccante nigeriano ha svolto una stagione tutto sommato positiva tra le fila dei partenopei, anche se l’infortunio al naso rimediato a metà novembre lo ha tenuto fuori dalle scene per ben tre mesi, creando non pochi problemi agli azzurri. A livello realizzativo, ha superato il record fatto segnare l’anno scorso e anche il suo feeling con i compagni si è affinato a livelli notevoli. Per questo crediamo possa essere ancora fondamentale in questo rush finale e contro una squadra modesta come il Genoa, che però sarà spinta da motivazioni fortissime, potrebbe davvero rendersi protagonista.

 

Abraham (Roma): La giovane punta inglese ha avuto bisogno di neanche un anno per entrare di diritto nel cuore dei suoi tifosi che in questo momento non lo lascerebbero andar via per nulla al mondo, grazie a delle prestazioni che sono migliorate con il passare del tempo. L’abitudine alle tattiche e al tipo di gioco ha fatto venir fuori le sue indubbie qualità e in più di un’occasione sono state le sue giocate a trascinare i giallorossi, che fosse in campionato o in coppa. Ora c’è bisogno di un ultimo sforzo per non farsi sfuggire l’Europa, dopo lo scivolone contro la Fiorentina, e a farne le spese dovrà essere il Venezia. Contro una squadra così modesta l’ex Chelsea può risultare davvero infermabile.

 

Correa (Inter): Il Tucu aveva ricevuto un’accoglienza da grande campione quando è arrivato a Milano in estate ma con il passare del tempo la sua considerazione è scesa di parecchio. Le sue prestazioni spesso anonime e un feeling con il goal non eccellente hanno minato le sicurezze dei suoi tifosi che ora non sono poi tanto convinti che sia un giocatore adatto al prestigio della squadra. Lui però i suoi colpi di gran classe li ha sempre mostrati e per far tornare i suoi sostenitori sull’idea iniziale dovrà deliziarli con qualche giocata da grande campione. L’occasione potrebbe esserci già domenica contro il Cagliari, in un match accesissimo dal punto di vista delle motivazioni ma che potrebbe essere una semplice passeggiata di salute per gli uomini di Inzaghi. Se dovesse partire dal primo come si prospetta, ci sono ottime possibilità che sia lui il mattatore di giornata.

 

Deulofeu (Udinese): L’esterno spagnolo si trova in una delle sue migliori stagioni dal punto di vista realizzativo e coloro che lo individuavano come colui che avrebbe beneficiato maggiormente dall’addio di De Paul ci avevano visto lungo. La sua centralità nel gioco dei friulani lo rende la loro punta di diamante e l’imprevedibilità delle sue giocate fanno di lui il riferimento offensivo più importante. Questa stagione idilliaca merita di essere onorata fino alla fine e l’ultimo match in casa contro lo Spezia deve essere un’opportunità per ringraziare i sostenitori del loro calore. Da lui ci aspettiamo grandi giocate, con buone probabilità di vedere un bonus a fine partita.

 

Andrea Sanna

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.