Home » Canali » La Finestra sul Mondo » Via il Superfluo
Via il Superfluo

Via il Superfluo

Negli ultimi anni ho ricevuto grandi doni dalla vita. In parte grazie al contatto con persone coraggiose e fiere. Anime cariche di positività e vitalità nonostante le inimmaginabili battaglie quotidiane che sono state costrette ad affrontare per conquistare del tempo in questa terra. In parte grazie al costante lavoro di elaborazione interiore al quale mi sottopongo per accettare e valorizzare i cambiamenti.

Curare l’involucro non è abbastanza. L'anima deve guarire prima ancora che lo faccia il corpo, altrimenti la malattia sopravvive nonostante la vittoria delle cellule.

Ci si trova davanti ad un bivio con tante incognite e minime certezze.

Nessun altro può scegliere per noi quale sia la direzione corretta. La strada che percorreremo potrà spesso apparire azzardata e folle per la massa, ma il senso di libertà e pace che avvertiremo ci farà capire che si tratta della via migliore e personalizzata per noi in quel preciso momento della nostra esistenza.

Ho provato a liberarmi davvero del male solo quando ho iniziato a dire: ho vinto io perché voglio gioire della vita, voglio rispettarla e provare a rendere ad altri tutto il bello che tante persone mi hanno saputo donare senza pretese e senza richieste.

Ce l’ho fatta perché ho scelto di vivere e non solo sopravvivere.

Ho scelto di imparare ad attribuire ad ogni cosa il giusto peso, di dedicare le forze e spendere le energie solo per situazioni e persone per le quali posso avere una reale rilevanza.

Ho scelto di dare la giusta dimensione a ciò che provo, senza rimanere imprigionata nella sofferenza e nella paura.

Ho scelto di imparare ogni giorno ad accettare i limiti fisici senza colpevolizzarmi e di sfruttare al meglio le nuove opportunità.

Cambiare fa spesso paura. Non è detto che le novità debbano necessariamente portare disagi.

Anche davanti ad una diagnosi infausta, affrontare ed elaborare il percorso può portare ad una conclusione liberatoria: VIA IL SUPERFLUO! Si può e si deve cogliere l’occasione per disfarsi di ciò che non ci serve o non ci piace. Può diventare il momento ideale per lasciarci alle spalle ciò che non desideriamo e che prima non avevamo il coraggio di eliminare.

Si tratta di una nuova vita e spetta solo a noi decidere come gestirla.

Ho abbandonato la fretta di voler sistemare ogni cosa al proprio posto.

Ho scoperto l’immenso piacere di poter osservare con calma i miei nuovi spazi vuoti, aspettando… Aspettando che siano loro ad ispirarmi le soluzioni più adatte. Per riempirli o per renderli ancora più ampi.

 

Daniela Cadeddu

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.