Home » Canali » La Finestra sul Mondo » InFame, il primo romanzo di Ambra Angiolini
InFame, il primo romanzo di Ambra Angiolini

InFame, il primo romanzo di Ambra Angiolini

“Cosa voglio di più? Niente. Però tutto il niente del mondo perché anche del nulla ho fame, una fame insaziabile, una voragine che non riposa mai”.

 

A volte pensiamo che dietro un sorriso ci sia semplicemente un sorriso, non una cascata di emozioni negative, di ossessioni, di paure che fanno sì che quel sorriso sia solo una maschera per nascondere quello che odiamo di noi stessi. 

“Infame”, primo romanzo di Ambra Angiolini racconta proprio questo: una quotidianità fatta di sorrisi che non sono altro che un modo di andare avanti, per non far vedere a chi ci sta accanto, al mondo che ci circonda la sofferenza. La lotta di Ambra contro la bulimia diventa un libro che, con crudezza, onestà e consapevolezza racconta cosa significa soffrire di un disturbo alimentare. Agli occhi di molti è soltanto un capriccio, agli occhi di chi invece porta sulle spalle questo fardello è una vera e propria lotta contro quella che viene proclamata come benedetta: la vita.

 

Descrizioni profonde e accurate caratterizzano questo libro. Ambra ci lascia entrare dentro la sua storia, dentro il suo mondo. Toglie il respiro la sua remota voglia di chiudersi per non guardare cosa sta accadendo nella sua vita e, contemporaneamente, la voglia di condividere con il mondo e con grandissima onestà una storia drammatica. Anche di questo è fatto il mondo, anche se ultimamente tutto sembra concentrarsi su un unico male.

Leggere questo libro è come stare sulle montagne russe: climax di sensazioni positive che si alternano a altre negative, condotte distruttive e altre che, invece, puntano a volare verso la libertà. Libertà che Ambra trova in una direzione che non aveva assolutamente preso in considerazione: l’amore. Quella parola che lei stessa non riusciva a dire, quella parola che veniva sostituita con “ancora”, quella sensazione di pienezza che non ha niente a che fare con le calorie. La felicità, la sua via d’uscita Ambra l’ha trovata nell’amore e in quella pancia che cresce, non per il cibo ma perché al suo interno sta crescendo una nuova vita.

 

Perché leggere questo libro: questa è solo la versione di una storia che si confonde tra un milione di altre. Non esiste un finale unico per tutti ma chi soffre può mettere la propria firma sulla forma di amore che lo possa salvare: che sia per sé stessi, che sia rivolto ad altri.

 

Roberta Lai

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.