Home » Canali » La Finestra sul Mondo » Perseveranza, costanza e forza: l’exploit di Luca Lai
Perseveranza, costanza e forza: l’exploit di Luca Lai

Perseveranza, costanza e forza: l’exploit di Luca Lai

L’atletica, proprio come gli altri sport individuali, è una di quelle discipline che regala poco e nulla. Probabilmente, a dirla tutta, più nulla che poco. Giorni di allenamenti, mesi, anni, lustri e via dicendo. Preparazioni intense, dure, ogni dettaglio da curare nei minimi particolari per ritagliarsi il proprio spazio, per migliorare il proprio personale, per vincere l’agguerrita sfida contro se stessi e contro il cronometro. Luca Lai, atleta oristanese classe 1992 tesserato per l’ATHLETIC CLUB 96 ALPERIA, dopo il crono di 6.65 sulla specialità dei 60 metri indoor in quel di San Gallo, è stato protagonista di una superba prestazione presso la pista svizzera di Magglingen, all’interno della quale ha realizzato la sua migliore prestazione sui sessanta metri arrivando a correre la distanza con l’eccellente tempo di sei secondi e cinquantasette centesimi. Una esplosione di forza, talento e tenacia, dietro cui si cela un lavoro certosino, meticoloso ed estremamente attento. Il velocista isolano, che ha mostrato le sue qualità sin dai tempi delle categorie giovanili in manifestazioni quali i Giochi delle isole, cresce ulteriormente, si migliora passo dopo passo e, dopo il titolo italiano sempre sui 60 metri indoor nel 2019, si presenta come una delle punte della velocità tricolore anche per la stagione del 2020 grazie a un esordio di caratura sopraffina. Lai esce egregiamente dai blocchi di partenza, deciso e concentrato: non lascia nulla al caso e tantomeno ai suoi diretti avversari, procedendo in una progressione incisiva, fluida e autorevole che non lascia spazio ad eventuali repliche di terzi individui, grazie alla quale realizza la sesta prestazione italiana di tutti i tempi sulla distanza dei 60 metri al coperto e – nota non certo da scordare – la seconda prestazione mondiale assoluta.

Per il giovane ventisettenne rappresentate dei Quattro Mori, laureato in scienze infermieristiche, il prossimo appuntamento di rilievo sarà il 23 febbraio, in occasione dei campionati italiani assoluti indoor che vedranno alla partenza anche Filippo Tortu, punta di diamante della velocità nostrana nonché primatista italiano dei 100 metri, specialità che è riuscito a correre sotto i 10 secondi. Il duello tra i due è annunciato e, indubbiamente, ambo gli atleti venderanno cara la pelle e onoreranno al meglio delle loro capacità la lotta per lo scettro di numero uno della velocità italiana per ciò che concerne il periodo invernale.

Le premesse per un confronto diretto coi fiocchi ci sono tutte: le chiodate sono ben allacciate, i blocchi pronti ad accogliere i differenti contendenti, ognuno con le sue speranze, ognuno con i suoi obiettivi e il suo desiderio di comportarsi nella maniera più esimia possibile. Al resto, ancora una volta, ci penserà la pista, maestra saggia e insigne nella quale sono andati in scena alcuni dei duelli più avvincenti ed emozionanti della storia sportiva.

Mattia Lasio

Lascia un Commento

Filtered HTML

  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <blockquote> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.