Home » Canali » La Finestra sul Mondo » Pista tota nostra est: il poker di Filippo Ganna
Pista tota nostra est: il poker di Filippo Ganna

Pista tota nostra est: il poker di Filippo Ganna

Deciso, imponente e concentrato per scrivere, nuovamente, la storia: Filippo Ganna, promessa del ciclismo tricolore e pistard dal talento indiscutibile, entra nella leggenda del ciclismo conquistando il suo quarto titolo mondiale nella specialità dell’inseguimento individuale.  Il 28 febbraio 2020 è il giorno che segna il grande trionfo del corridore piemontese il quale, dopo aver realizzato il record del mondo in qualificazione con il tempo di 4’01’’934, con lucidità e un’ottima gestione tattica inserisce nel suo, ricco, palmares un’altra splendida medaglia d’oro.

Dopo Londra 2016, Apeldoorn 2018, Pruszkow 2019, stavolta, è il velodromo di Berlino ad accompagnare e ad applaudire il numero uno nostrano verso un successo di grande prestigio. 

Ganna mostra maturità e lucidità ben affinate, leggendo e interpretando i 4000 metri di gara al meglio: inizialmente, intorno al primo chilometro, accusa un leggero distacco dallo statunitense Lambie per poi ingranare e dare vita a uno dei suoi classici finali in netta progressione. Ai 2500 metri Ganna va in testa e recupera l’esiguo svantaggio accusato dal suo diretto avversario il quale perde mordente andando sempre più in crisi giro dopo giro.

Ganna, invece, prosegue inarrestabile la sua cavalcata e vince nell’inseguimento individuale – 4 chilometri corsi a 59 chilometri orari – infliggendo ben 4 secondi al comunque bravo Lambie.

60x14 come rapporto – impressionante – e il velodromo di Berlino a fare da cornice a una prestazione sopraffina che lascia presagire risultati ancora più importanti e leggendari da questo momento in poi. L’asso di Verbania classe 1996 – in forza presso la corazzata Ineos – è l’assoluto protagonista dell’inseguimento individuale, potendosi permettere anche il lusso di esultare e rallentare nel rettilineo conclusivo che per il giovane Ganna rappresenta una passerella trionfale. 

Pista tota nostra est – rielaborando la più celebre e nota frase ‘’satura tota nostra est’’ – e il poker di Filippo Ganna ne è una felice e bella, oltre che ennesima, dimostrazione.

 

 Mattia Lasio

Lascia un Commento

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
CAPTCHA
Per evitare spam automatico ti invitiamo a compilare il form correttamente.